Dimmi quello che già penso e ti dirò chi sono.

Continuiamo la nostra ricerca sulle bufale pubblicando l’articolo di Walter Quattrociocchi, Coordinatore del CSS Lab presso l’IMT – School for Advanced Studies di Lucca che a sua volta parte da uno studio recentemente pubblicato dalla National Academy of Sciences of the United States of America.

Il nostro interesse si sta infatti lentamente spostando dalle ragioni per le quali molti leader politici populisti costruiscano le loro fortune creando, diffondendo o cavalcando le bufale alle ragioni, molto più profonde ed interessanti, in base alle quali le bufale (o fake news) si propagano con così tanta facilità e rapidità anche grazie ai social network.

Dalla lettura di questo articolo apprendiamo, quindi, dell’esistenza del cosiddetto effetto echo chamber (fenomeno di amplificazione di un’idea grazie alla sua diffusione in un sistema chiuso, ndr) sotto la spinta del confirmation bias(tendenza a discutere all’interno di sistemi chiusi di informazioni che già si conoscono, ndr) – che abbiamo analizzato in un nostro post precedente.

siti-web-bufale-e-notizie-false

L’immagine è presa da https://quelchenonsapevi.it

Scopriamo dunque che leggiamo le notizie esattamente come lavoreremmo ad un puzzle, alla ricerca cioé di quelle i cui tratti, più di qualsiasi altra, combaciano con il disegno che già stiamo tracciando. Le tessere che si conformano a questo disegno le scegliamo, le altre le scartiamo.

Se poi inseriamo questo meccanismo personale induttivo di asseverazione di una qualsiasi notizia non altrimenti verificata verso ciò che già crediamo o ci piace credere nella spirale vorticosa dei meccanismo virale dei social network e lo associamo alla millenaria esistenza di preconcetti e pregiudizi ecco spiegato come sia così facile che una bufala potenziale si trasformi molto rapidamente in una bufala reale. Come la calunnia da venticello si possa trasformare, sui social network, in un vero e proprio tornado, in grado di sradicare la verità, il buon senso, l’intelligenza e la supposta razionalità delle persone.

La buona notizia è che, per contrastare questo fenomeno, non esiste un antidoto ancora sconosciuto da scoprire o un apparecchio miracoloso ancora da inventare. Basterebbe talvolta ricordarsi che abbiamo un cervello. E poi farlo funzionare.

Buona lettura!

L’immagine in evidenza è presa da qui

 

Taggato . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi