Il bene culturale è per definizione un bene della collettività

Una riflessione sul bene culturale partendo dal destino dell’area di Tor di Valle.

A cura di Massimo Cardone per Embrice 2030 ApS

Premessa

Venerdì 24 è stata inaugurata presso la Galleria Embrice 2030 a Garbatella una mostra – che sta riscuotendo un inaspettato successo – sull’architetto spagnolo Julio Garcia Lafuente.

L’architetto Lafuente è salito recentemente alla ribalta della cronaca per essere il progettista delle Tribune dell’Ippodromo di Tor di Valle a Roma, l’opera architettonica per la quale la  Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio del Comune di Roma ha avviato la procedura di Dichiarazione di interesse culturale, mettendo in crisi l’intero progetto del nuovo Stadio della Roma che ne prevedeva invece la demolizione.

La mostra, a cura dell’arch. Eleonora Carrano, ha la finalità di portare all’attenzione pubblica un’opera architettonica straordinaria come quella delle Tribune di Tor di Valle – realizzata nel 1959 per le Olimpiadi di Roma del 1960 – ma anche di lanciare un documento/appello per il riutilizzo alternativo di questa struttura sportiva, il cui costo di recupero è tra l’altro senza dubbio inferiore a quello di un’ipotetica demolizione.

Restaurare le tribune di Tor di Valle per il nuovo Stadio Cittadino dello Sport Sociale

Il nuovo Stadio della Roma è un opera importantissima per la nostra città, la costruzione di una struttura sportiva rappresenta sempre una risorsa per la sua comunità, per il forte valore educativo che porta con se; ma proprio per questo pensiamo che non sia corretto discutere della valorizzazione dell’area di Tor di Valle solo in termini edilizi, ma che si debba cogliere l’occasione per tramutarla in un rilancio della cultura sportiva della nostra città.

Noi riteniamo che sia necessario e possibile conciliare interessi privati e collettivi, che sia doveroso pianificare la città pubblica anche quando sono i privati a costruirla. La salvaguardia della pensilina dell’Ippodromo di Tor di Valle a Roma, opera magistrale dello Studio Lafuente Rebecchini, da questo punto di vista, rappresenta una grandissima opportunità.

D’altronde il bene culturale è per definizione un bene della collettività; la Costituzione Italiana assegna alle Istituzioni Statali il compito di tutelarlo per poterlo tramandare alle generazioni successive come testimonianza della cultura del nostro paese. Oggi a noi spetta il compito di restituire questa opera architettonica alla collettività, evitando accuratamente ogni ipotesi di musealizzazione e di monumentalizzazione, all’interno di un progetto di città che riconosca nello sport i valori dell’aggregazione e dell’integrazione sociale, della crescita umana e della sfida personale.

Per tutti questi motivi chiediamo al Comune di Roma, nella fase negoziale attuale, di imporre alla parte proponente (Eurnova / Pallotta) di farsi carico del restauro filologico, secondo il progetto originale, delle tribune dell’Ippodromo di Tor di Valle, al fine di restituirla, in quota oneri, alla collettività e all’uso pubblico; la pensilina potrà essere a servizio di un campo da dedicare a Stadio Cittadino dello Sport Sociale, da affidare alle associazioni romane che oggi lavorano nel campo dell’integrazione sociale attraverso lo sport. Non solo calcio ma anche rugby e atletica leggera.

Costruiamo lo Stadio della Roma, con le torri, senza torri, ma regaliamo anche a Roma e ai suoi cittadini uno spazio pubblico per lo sport e l’inclusione sociale, lo Stadio Cittadino dello Sport Sociale.

 

Taggato , , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi